Gennaio 13, 2020

«Cooperativa, una scelta da protagonisti»

Alessandro Argnani e Marcella Nonni sono i due condirettori artistici di Ravenna Teatro, una delle compagnie italiane più importanti. Scambio generazionale e attenzione per la qualità del lavoro: oggi dà lavoro a 40 persone ed è conosciuta nel mondo
Alessandro Argnani e Marcella Nonni

articolo dal n.12/2019 della Romagna Cooperativa

È una delle più importanti realtà teatrali italiane sia per la produzione sia per l’organizzazione delle stagioni ed anche una delle poche che continua a mantenere la forma cooperativa. Come ricordano i due condirettori artistici Marcella Nonni e Alessandro Argnani, «la forma cooperativa fa parte del nostro Dna: è stata una scommessa sulle generazioni successive che ha dato risultati importanti, tra cui la scelta di avere due direttori artistici che appartengono, appunto, a due generazioni differenti».


E proprio Marcella Nonni, uno dei fondatori della compagnia, ci spiega qual è il segreto del successo e della longevità di Ravennateatro. «Ci sono altre tre realtà cooperative in Italia che condividono con noi militanza e durata: i Teatri uniti Napoli, dove Toni Servillo è direttore artistico, e il Teatro Elfo di Milano fondata tra gli altri da Elio De Capitani e Ferdinando Bruni e Accademia Perduta Romagna Teatri creata da Claudio Casadio e Ruggero Sintoni . Il dato comune alle tre esperienze è l’avere puntato sullo scambio generazionale e l’attenzione per la qualità del lavoro. Noi l’abbiamo interpretato anche nel modo più coerente con i principi cooperativi: abbiamo 40 persone a libro paga, in maggioranza con contratti a tempo indeterminato, una condizione possibile perché è stato scelto di non distribuire stipendi faraonici ma di darsi mensili da metalmeccanici al primo impiego».

Una foto dal Cantiere di Dante (ph. Silvia Lelli)


Alessandro Argnani è uno degli attori della seconda generazione cresciuto alla non scuola. «Grazie a essa ho trasformato in lavoro la mia passione per il teatro senza essere costretto ad andare a vivere altrove: questa città, grazie anche a un’amministrazione lungimirante, ha dato la possibilità a una compagnia giovane di crescere e di gestire le stagioni teatrali. Ora, grazie al teatro stabile corsaro di Ravennateatro, Ravenna è un luogo dove si riflette sul teatro e lo si produce».
Il 17 settembre con “Pane e petrolio”, è iniziata la stagione teatrale ravennate 2019-2020, che come di consueto porta il marchio di Ravennateatro (che gestisce anche di quelle dei ragazzi e dei piccoli). La ‘costruzione’ dell’offerta è frutto di una lunga elaborazione, come spiega Argnani. «La stagione dura da settembre a luglio: nasce da una mutazione, cioè dall’unione della stagione di prosa con quella del teatro di ricerca, guardando alle grandi città europee dove non c’è più distinzione fra teatro di tradizione e di ricerca. Anche la modalità dell’abbonamento segue questo criterio: ci sono 6 titoli fissi decisi da noi a cui si aggiungono due spettacoli a scelta dello spettatore. La costruzione della stagione avviene assistendo a molti spettacoli e cercando di puntare su un teatro capace di fare i conti con quello che siamo».
Uno dei progetti recenti più importanti è il “Cantiere Dante”, che culminerà nel 2021 in occasione del 700esimo della morte del poeta. «Quello della Divina commedia – spiegano Nonni e Argnani – era un progetto scritto in occasione della partecipazione di Ravenna alla selezione per la Capitale europea della cultura. Nel 2017 abbiamo messo in scena l’Inferno e quest’anno prima a Matera e poi a Ravenna il Purgatorio. Nel 2021 presenteremo sempre a Ravenna tutta la trilogia. Il progetto parte dalla riflessione sulla Divina commedia come un testo che parla dell’uomo, un viaggio per comprendere quello che siamo e per questo potevamo farlo solo insieme ai cittadini, con una “chiamata pubblica” della cittadinanza».


Condividere la direzione di Ravenna Teatro è una responsabilità che Marcella Nonni e Alessandro Argnani affrontano con grande intesa. «Alessandro è l’anima della direzione che ci “apre” sulle storie di Ravenna – spiega Nonni – e a quei cittadini che magari non vengono a teatro ma sono disposti a partecipare a un contesto che è sia lezione di storia sia spettacolo, come il cantiere Dante appunto». «Condividere con Marcella la direzione di uno dei centri di produzione teatrale riconosciuti dal Ministero della Cultura – conclude Argnani – con una valutazione massima per qualità artistica è un orgoglio ma anche una responsabilità per continuare a difendere i principi di un teatro come luogo da frequentare, che ci parla e dove cercare l’incontro con altri compagni di viaggio».
a cura di Paolo Pingani

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito supponiamo che tu sia d’accordo. QUI trovi l’informativa sui cookies. QUI trovi l’Informativa sulla privacy.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle iniziative di Legacoop Romagna

Iscriviti