Marzo 27, 2018

Bonus fisco e pubblicità, le coop editoriali: «Fate presto»

Credito di imposta e pubblicità incrementale è il titolo del seminario che si è tenuto il 20 marzo a Ravenna, organizzato dalla rete di imprese Treseiuno di Legacoop Romagna, in collaborazione con Federcoop Romagna, per approfondire una novità importante per le imprese che intendono promuoversi nel proprio territorio utilizzando gli strumenti pubblicitari sui media cartacei, radiotelevisivi e web. Si tratta di un’agevolazione per imprese, lavoratori autonomi ed enti non commerciali, con un plafond per il 2018 di 62,5 milioni, che si applica sul 75 per cento del valore incrementale dell’investimento in pubblicità per l’anno in corso rispetto al precedente.
Sull’argomento è intervenuto il direttore generale di Legacoop Romagna, Mario Mazzotti, che pur riconoscendo l’importanza dello strumento, ha posto l’accento «sulla mancanza, a oggi, dei decreti attuativi, una situazione che di fatto sta bloccando la possibilità di utilizzare le agevolazioni stesse. Detto questo il bonus, che è un elemento di rafforzamento della nuova legge dell’editoria, resta comunque un’opportunità per costruire sinergie sia all’interno sia all’esterno della rete».
 

Luca Grossi, esperto dell’area fiscale e consulenza direzionale di Federcoop Romagna, ha spiegato quali siano le imprese che hanno possibilità di ottenere il credito di imposta e quali siano i riferimenti normativi: l’incremento minimo richiesto è dell’1 per cento e l’agevolazione viene calcolata su tutto il cumulo dell’investimento pubblicitario.
Grossi ha poi rimarcato anche l’elemento già messo in evidenza da Mazzotti, cioè che ancora mancano i decreti attuativi che definiscono i casi di esclusione, le procedure di concessione e di utilizzo del beneficio, quale sia la documentazione richiesta, come verranno effettuati i controlli e quali saranno i tempi massimi entro i quali si potrà godere del beneficio. «E non siamo in grado di sapere quando saranno pronti».
Il seminario è servito anche alle cooperative della rete Treseiuno che operano nel campo dell’informazione cartacea e web di presentarsi e di commentare la novità del bonus per la pubblicità incrementale: Corriere di Romagna, SettesereQui, La Romagna Cooperativa e il network Romagnanotizie, ha sottolineato Mazzotti, «formano una rete di imprese della comunicazione che è una delle più significative a livello nazionale». Proprio il direttore di SettesereQui, Manuel Poletti, ha lamentato «un rallentamento nella definizione di quali debbano essere gli strumenti attuativi». Dello stesso avviso Luca Pavarotti del Corriere Romagna: «Siamo un po’ in ritardo sulle tempistiche di emissione dei provvedimenti attuativi».
«Il sistema Legacoop Romagna è in grado di mettere in campo un servizio di consulenza per accompagnare le imprese che vogliano utilizzare il bonus della pubblicità incrementale», hanno ricordato Nevio Ronconi di Romagnanotizie e Stefano Tacconi di Romagna Cooperativa.
Questo grazie a Federcoop Romagna, il cui vicepresidente Rudy Gatta ha insistito «sull’opportunità costituita da queste agevolazioni per chi investe in pubblicità, perché potranno avere un impatto consistente sulle imprese di comunicazione e anche agevolare il mercato».

Grazie per avere visitato il nostro sito www.legacoopromagna.it
Il sito è attualmente in versione beta, vi chiediamo di compilare questo modulo di feedback. Utilizzeremo le vostre risposte per migliorare la versione definitiva.
Grazie per il vostro tempo e il vostro contributo.

Clicca Qui!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle iniziative di Legacoop Romagna

Iscriviti