Novembre 15, 2016

«Emergenza profughi: dalle cooperative qualità e impegno»

Sono quasi 700 i richiedenti asilo ospitati nelle cooperative di Legacoop Romagna tra Forlì, Castrocaro, Faenza, Casola Valsenio, Cervia, Cesenatico, Ravenna e Rimini. Il presidente di Legacoop Romagna, Guglielmo Russo: «Dalle nostre cooperative qualità e impegno per evitare che diventasse un problema di ordine pubblico e sociale. Adesso servono risposte strutturali di lungo periodo»
 
articolo tratto dal n.10/2016 della Romagna Cooperativa
 
«I dati dimostrano che le cooperative stanno facendo il loro dovere fino in fondo sull’accoglienza dei richiedenti asilo». Guglielmo Russo, presidente di Legacoop Romagna, commenta così i numeri che provengono dalle cooperative sociali associate. «Rispondiamo a un’emergenza umanitaria e sanitaria con qualità e impegno. Se la questione profughi non è diventata un problema di ordine pubblico nel nostro territorio è anche merito nostro. Non accettiamo e non accetteremo strumentalizzazioni di alcun tipo».
 
extraue-in-piazza-dante-alighieri2-14-08-16
 
Le cooperative sociali associate a Legacoop Romagna in questo momento gestiscono oltre 600 richiedenti asilo, utilizzando i due sistemi di accoglienza, i Cas (Centri di accoglienza straordinari) e lo Sprar (Sistema di Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati).
A Forlì DiaLogos si occupa di 82 adulti (di cui 10 donne) e 20 ragazzi; a Castrocaro gestisce 12 persone (3 nuclei familiari). A Faenza Zerocento ha in carico 16 persone, a Solarolo 8, a Casola Valsenio 4 e a Faenza una ventina. A Faenza si occupa anche di 27 minori stranieri non accompagnati, mentre a Cervia al momento sono 80 le persone seguite, ma diventeranno 100/120. Persone in movimento ha in carico 133 persone a Ravenna, altre 40 Teranga (vedi box a fianco) mentre Centofiori a Rimini si occupa di 69 migranti dislocati anche a Riccione. Infine la CAD ha in carico complessivamente 149 ospiti, tra Cesenatico e Rimini.
«Il tema quando si affronta la questione dei profughi – dice uno dei responsabili del settore sociale di Legacoop Romagna, Emiliano Galanti – è che va superato l’approccio di “emergenza” per costruire politiche che diano risposte strutturali».
Legacoop Romagna ha firmato insieme alle altre due centrali e all’Anci la carta per la buona accoglienza dei migranti, con cui si impegna a gestire l’accoglienza non nei centri collettivi ma nelle abitazioni, a definire standard di qualità che garantiscano adeguati livelli di servizi – dai corsi d’italiano, all’accesso alla tutela legale, dalla certificazione delle competenze del migrante alla formazione professionale e ai tirocini – con l’utilizzo di personale socio educativo qualificato e  attenzione a tematiche di genere.
«Occorre una pluralità di modelli di intervento – spiega Russo – tra cui sicuramente anche quello della gestione per piccoli nuclei, sperimentato con successo». I numeri del fenomeno non accennano però a calare. Nel mese di agosto 2016, secondo le ultime cifre fornite dal Ministero dell’Interno, sono stati accolti in Italia 11.446 migranti richiedenti asilo, di cui 1651 donne e 347 minori non accompagnati. I Paesi di provenienza principali sono  stati Nigeria, Pakistan, Eritrea, Costa d’Avorio e Gambia.
«Onore all’Italia per gli sforzi che sta facendo, ma il problema non è più affrontabile solo a livello Paese. Siamo preoccupati perché dopo più di dieci anni di immigrazione siamo ancora a un’emergenza che non pone i territori nelle condizioni più ottimali di accoglienza: bisogna attrezzare politiche di lungo periodo, perché questo modello, per la consistenza e la durata del fenomeno non può tenere», conclude Russo.
 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito supponiamo che tu sia d’accordo. QUI trovi l’informativa sui cookies. QUI trovi l’Informativa sulla privacy.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle iniziative di Legacoop Romagna

Iscriviti