Maggio 31, 2016

Coop sociali a confronto con codice appalti e linee guida ANAC

Affidamenti diretti e adeguatamente motivati solo fino a 40mila euro, procedure negoziate con almeno 5 operatori e rotazione degli inviti fino a 209mila euro (750mila per i servizi sociali e similari). In generale più concorrenza tra gli operatori, ma anche minore possibilità per l’ente pubblico di fidelizzare i
fornitori locali: sono alcuni principi base del nuovo codice degli appalti, entrato in vigore in questi giorni.
Novità che rappresentano ‎una fonte di opportunità, ma anche di attesa
per il mondo della cooperazione sociale, riunito questa mattina nella
sala del Buonarrivo di Rimini per una giornata di aggiornamento
organizzata da Legacoop Romagna e Legacoopsociali regionale.
‎Non mancano le semplificazioni. La verifica dei requisiti generali
avverrà d’ora in poi attraverso una banca dati centralizzata degli
operatori economici. Si attendono ai primi di giugno le linee guida
definitive dell’ANAC, con tutte le procedure di dettaglio, in
particolare in materia di offerta economicamente più vantaggiosa e
procedure sotto soglia.‎
«La novità più importante – dice Alberto Alberani, responsabile di
Legacoopsociali Emilia-Romagna – è nella filosofia di questo nuovo
codice, che dovrebbe alleggerire le relazioni tra la pubblica
amministrazione e le coop sociali. Il nostro è un mondo in cui la legalità e il rispetto dei contratti ha grande importanza,  auspichiamo che le linee guida
approfondiscano questi aspetti insieme a quello della ricerca
dell’efficienza. Così come auspichiamo che le amministrazioni
valorizzino aspetti specifici, quale la possibilità di fare concorrere
i soggetti con offerte migliorative, sulla base però di prezzi fissi:
in Europa i servizi che riguardano le persone e i soggetti più deboli
non vengono messi all’asta. Apprezziamo che anche la Regione in
coerenza alla legge sulla cooperazione sociale stia predisponendo
specifiche linee guida per ottimizzare i rapporti con le pubbliche
amministrazioni attraverso un lavoro che ci auguriamo venga approvato
prima della pausa estiva».
13331003_597392260433776_542852324642101814_n

«‎Il codice – aggiunge Federica Protti, responsabile Sociali di
Legacoop Romagna – presenta diversi elementi di novità che come
Legacoop continueremo ad approfondire con l’uscita delle prossime
linee guida ANAC. Tra tutti voglio sottolineare con forza l’elemento
dell’offerta economicamente più vantaggiosa come strumento di
valutazione dei servizi che valorizza i progetti e non il prezzo.
L’obbligo di programmazione degli enti pubblici è la
chiave per rispondere ai bisogni della comunità quale effettiva presa
di responsabilità degli enti».‎
13319841_597392440433758_379133406485414470_n

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito supponiamo che tu sia d’accordo. QUI trovi l’informativa sui cookies. QUI trovi l’Informativa sulla privacy.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle iniziative di Legacoop Romagna

Iscriviti