Settembre 8, 2015

Gli agricoltori romagnoli a Bruxelles per protestare contro l'embargo alla Russia

Una delegazione di Legacoop Romagna ha partecipato alla manifestazione indetta a Bruxelles da Copa-Cogeca per protestare contro l’embargo sull’esportazione dei prodotti agricoli europei in Russia.
 
da sinistra: Luciano Pula (presidente OP Pempacorer), Marino Bosi (Consigliere di Amministrazione di Terremerse) e Stefano Patrizi, responsabile Agroalimentare Legacoop Romagna.
Davanti alle sedi dell’Unione Europea sono sfilati più di seimila agricoltori provenienti da tutti i Paesi membri. «A essere terribilmente colpito dalle sanzioni contro Putin – spiega il responsabile agroalimentare di Legacoop Romagna, Stefano Patrizi – è il settore agricolo. La protesta in particolare è per i settori ortofrutticolo, lattiero-caseario, e delle carni suini e bovine».
Gli agricoltori e le loro famiglie hanno chiesto misure immediate di sostegno alle produzioni e misure strutturali contro la volatilità dei prezzi, per una concorrenza equa per gli agricoltori, per maggiore promozione e ricerca e sviluppo, nonché maggiore protezione dei consumatori da pratiche ingannevoli.
A margine della manifestazione si è svolto anche un incontro tra il Ministro Martina e una delegazione di Agrinsieme. «Abbiamo ribadito lo stato di gravissima difficoltà dei settori in questione e l’esigenza di avere una risposta europea sostanziale e immediata», dice Patrizi.
Nella stessa giornata si è tenuto il Consiglio straordinario UE dell’agricoltura che ha annunciato un pacchetto di aiuti per il settore latte di 500 milioni di euro.

Grazie per avere visitato il nostro sito www.legacoopromagna.it
Il sito è attualmente in versione beta, vi chiediamo di compilare questo modulo di feedback. Utilizzeremo le vostre risposte per migliorare la versione definitiva.
Grazie per il vostro tempo e il vostro contributo.

Clicca Qui!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle iniziative di Legacoop Romagna

Iscriviti