Aprile 15, 2015

Porto di Ravenna: bene le rassicurazioni di Del Rio, ora le imprese aspettano i fatti

L’Alleanza delle cooperative della provincia di Ravenna – di cui fanno parte Legacoop Romagna, Confcooperative Ravenna e Agci Ravenna-Ferrara – ritiene che gli elementi contenuti del nuovo Def (il Documento di economia e finanza), che sono stati illustrati recentemente dal ministro alle Infrastrutture e i Trasporti Graziano Del Rio, siano deludenti. Sono infatti state cancellate due delle opere strategiche per lo sviluppo del territorio romagnolo, quali la realizzazione del collegamento autostradale Orte-Mestre, del quale da troppi anni si sta attendendo almeno la realizzazione del tratto di completamento Cesena-Ravenna-Ferrara mare, e l’approfondimento dei fondali del porto di Ravenna.
portodiravenna
Dopo le rassicurazioni verbali del ministro al presidente della Regione Stefano Bonaccini e al sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci, cioè che lo scalo marittimo ravennate resta un elemento strategico e che gli interventi verranno eseguiti, l’Alleanza delle cooperative della provincia di Ravenna si augura che alle parole seguano i fatti. E ritiene che ora più che mai vada mantenuta alta l’attenzione sull’urgenza di investire risorse perché il porto ravennate resti competitivo e venga rilanciato il suo indotto retroportuale, intermodale, stradale e ferroviario. In ballo ci sono molti posti di lavoro e, insieme a questi, la possibilità per il territorio romagnolo e i suoi distretti produttivi di avere uno sbocco logistico di valore internazionale. Le imprese non possono più aspettare.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito supponiamo che tu sia d’accordo. QUI trovi l’informativa sui cookies. QUI trovi l’Informativa sulla privacy.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle iniziative di Legacoop Romagna

Iscriviti