Novembre 30, 2014

Considerazioni sul mercato dei carburanti in Romagna

image
La notizia che apprendiamo dai giornali della chiusura di un noto distributore “low cost” fa sorgere alcune considerazioni sul mercato dei carburanti a Forlì e in Romagna.
Sul caso specifico, come è ovvio, occorre lasciare lavorare le forze dell’ordine e la magistratura, al fine di accertare eventuali violazioni delle norme vigenti.
Dal punto di vista delle politiche economiche locali, però, Legacoop Romagna annota con amarezza un fatto: a Forlì non esiste un distributore di carburante cooperativo, così come invece accade a Imola, Faenza e Cesena. Fu proprio la presenza di altri distributori “low cost” a marca privata, infatti, la motivazione principale per cui l’amministrazione comunale precedente non concesse alle nostre imprese associate la possibilità di aprirne uno.
L’apertura di distributori a marca cooperativa (Conad ed Enercoop) mette a disposizione di tutti i consumatori gasolio, benzina e gpl di alta qualità, con sconti fino a 10 centesimi al litro rispetto al prezzo medio del mercato nazionale.
L’esperienza derivante da decine di aperture e milioni di litri erogati consente di affermare che l’effetto calmiere che deriva dall’apertura di un distributore a marca cooperativa è in grado di influenzare tutto il mercato dei carburanti, con un consistente risparmio per gli automobilisti unito a un’alta qualità del prodotto.
Per fornire tali livelli di convenienza, i distributori cooperativi lavorano con margini bassissimi e in modalità “self service”.
Ci auguriamo che presto sarà possibile avere anche a Forlì un distributore a marca cooperativa, così come nelle altre città della Romagna.
 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito supponiamo che tu sia d’accordo. QUI trovi l’informativa sui cookies. QUI trovi l’Informativa sulla privacy.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato sulle iniziative di Legacoop Romagna

Iscriviti